A seguito del Deliberation Workshop del 9 novembre 2013 su “Politica estera e della difesa comune nell’UE”, a cui hanno partecipato 45 esperti  nazionali, sono emersi orientamenti di policy raccolti nel Rapporto_Finale dell’incontro.

Gli orientamenti contenuti nella presente sintesi saranno portati all’attenzione degli organi di riferimento per i temi trattati sia a livello di Istituzioni europee che di stakeholder istituzionali, economici e sociali nazionali, con l’obiettivo di:

  • dotarli di un riscontro maturo a livello nazionale rispetto a punti chiave oggetto della loro attività;
  • permettergli di riconoscere e di concentrarsi su questioni identificate come prioritarie;
  • contribuire all’elaborazione di programmi nazionali efficaci e di raccomandazioni specifiche emerse dalla “base reale” del Paese.

Background:
L’iniziativa Politically.eu nasce dalla determinazione della Commissione di collaborare strettamente con le autorità nazionali, con le altre istituzioni dell’UE e con tutte le parti interessate per costruire un senso di titolarità comune delle scelte e per orientare meglio i progressi, nell’ambito di uno sforzo più ampio a livello di Unione per uscire dalla crisi e porre le basi per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva in tutta l’Unione.

Il Consiglio europeo del prossimo dicembre affronterà per la prima volta il tema della difesa europea. Per definire la strategia per una dimensione comunitaria nel campo della difesa e della sicurezza, il 24 luglio scorso, la Commissione ha pubblicato la comunicazione “Verso un settore della difesa e della sicurezza più’ competitivo ed efficiente” dopo un lungo ed inedito confronto informale con gli Stati membri e con l’industria, che ha coinvolto anche l’Agenzia Europe di Difesa. La tappa POLITICALLY.EU a Torino del 9 novembre si è posta come momento di confronto nazionale su tre questioni chiave alla base del ruolo dell’UE sulla scena globale:

  1. l’industria della difesa come volano per la crescita;
  2. le nuove priorità della politica di sicurezza europea;
  3. e il ruolo del PE e dei Parlamenti nazionali dopo Lisbona nella definizione della politica estera europea.

Ne hanno discusso nella innovativa formula POLITICALLY.EU di dibattito aperto, partecipato e trasparente: il VP della Commissione responsabile per l’Industria e lo spazio Antonio Tajani (promotore della Comunicazione insieme al Commissario Barnier), il Sottosegretario alla Difesa Roberta Pinotti e il Vice Ministro italiano per gli Affari Esteri Marta Dassu’, insieme ai Presidenti delle Commissioni di riferimento nel Parlamento nazionale, a parlamentari europei, a esponenti dei ministeri nazionali competenti responsabili per l’implementazione della posizione italiana, ad aziende specializzate nel settore, a giornalisti e opinionisti direttamente connessi.