La Commissione europea, nello scorso novembre, ha presentato le sue proposte per un’Unione economica, monetaria e politica autentica e approfondita ed ha contestualmente lanciato l’invito ad aprire un dibattito su scala europea.

La Commissione è consapevole di non avere tutte le risposte ai grandi interrogativi sul futuro dell’integrazione europea. Per questo ritiene essenziale avviare e stimolare un dibattito democratico con il Parlamento europeo, con i governi e i parlamenti nazionali, con il mondo accademico e della cultura, e naturalmente con i cittadini dell’Unione.
Il tentativo è di rivitalizzare la partecipazione dei cittadini alla vita democratica e di ristabilirne un dialogo costruttivo con le Istituzioni perchè queste siano sollecitate a sostenere l’impegno di tutte le parti in un dialogo pubblico condiviso.

Un’Unione europea compiuta non può prescindere da un dibattito democratico aperto e maturo. E’ un imperativo che s’impone soprattutto oggi, perché la crisi costringe a decisioni difficili e talora impopolari, che occorre spiegare e motivare. “Conoscere per deliberare”, diceva Luigi Einaudi, richiamando un aspetto essenziale della democrazia.

La Rappresentanza della Commissione europea in Italia si è dunque fatta promotore di un dibattito nazionale sulle proposte della Commissione e, come primo passo, a Milano ci aspettiamo la vostra partecipazione attiva nella discussione su Crescita e Occupazione, e in generale sui temi che saranno all’ordine del giorno del prossimo Consiglio europeo del 27 e 28 giugno.

Vai al programma